News

Seguici su LinkedIn

News

Seguici su LinkedIn

Intermediazione rifiuti: l’importanza per le aziende

Nell’era moderna, dove la sostenibilità è diventata un pilastro centrale delle attività aziendali, l’approccio responsabile alla gestione dei rifiuti è essenziale.

Un elemento chiave di questa gestione è l’intermediazione rifiuti, un processo che non solo aiuta le aziende a smaltire i loro rifiuti in modo sicuro ed ecologico, ma contribuisce anche a promuovere pratiche commerciali sostenibili.

Il ruolo dell’intermediazione rifiuti

L’intermediazione rifiuti agisce come il ponte tra le aziende produttrici di rifiuti e le strutture di smaltimento specializzate. Questo processo non solo semplifica la gestione dei rifiuti, ma svolge un ruolo cruciale nel garantire che i materiali vengano smaltiti nel rispetto delle normative ambientali.

L’intermediario rifiuti non è né può essere un singolo professionista, in quel caso si può eventualmente parlare di waste manager. L’inquadramento normativo prevede infatti che l’intermediazione rifiuti sia in capo unicamente a uno stabilimento o impresa.

È bene precisare che alla figura dell’intermediario possono essere demandate tutte le incombenze giuridiche e tecniche necessarie alla corretta gestione dei rifiuti

Vantaggi per le aziende:

Conformità normativa:

L’intermediazione rifiuti assicura che le aziende rispettino le normative ambientali e sanitarie. Garantisce che i rifiuti siano classificati correttamente e smaltiti seguendo procedure sicure e conformi alla legge.

Con l’entrata in vigore del RENTRI, il Registro Elettronico Nazionale sulla Tracciabilità dei Rifiuti, moduli e formulari sono stati digitalizzati, ma l’adeguamento alla norma consente un periodo di adattamento nel quale possono coesistere versioni digitali e cartacee della documentazione.

Gli obblighi documentali di chi opera nell’intermediazione rifiuti si possono riassumere nei seguenti:

  • tenuta, vidimazione e conservazione del Registro di carico e scarico;
  • conservazione di una delle copie del Formulario di Identificazione;
  • invio del MUD (Modello Unico di Dichiarazione Ambientale) alla Camera di commercio di competenza.

Ottimizzazione delle risorse:

Collaborando con servizi di intermediazione, le aziende possono ottimizzare il processo di smaltimento, riducendo sprechi e massimizzando il recupero di materiali riutilizzabili.

Tra gli adempimenti che spettano all’intermediario vi è anche la gestione della parte documentale, questa spetta in primis ai produttori di rifiuti speciali, ma nel momento in cui prende avvio l’iter di recupero o smaltimento, è richiesto dalla normativa di mantenere costantemente la tracciabilità.

Responsabilità ambientale:

L’intermediazione rifiuti sottolinea l’impegno dell’azienda verso la responsabilità ambientale. Questo non solo risponde alle crescenti aspettative dei consumatori, ma può anche migliorare l’immagine aziendale.

Rispettare e conformarsi alle direttive e alle regolamentazioni nazionali e comunitarie è necessario per salvaguardare l’ecosistema e assecondare un modello di economia circolare in cui la riduzione dell’impatto ambientale è assicurata tanto da un consumo consapevole delle risorse quanto da un calo degli sprechi e un aumento del riciclo.

Lavorare con professionisti dell’intermediazione rifiuti

Collaborare con aziende specializzate nell’intermediazione rifiuti offre alle aziende la consulenza necessaria per implementare soluzioni personalizzate.

Dalla valutazione dei rifiuti alla gestione logistica, i professionisti dell’intermediazione semplificano il processo e offrono un supporto prezioso.

In un mondo sempre più attento all’ambiente, l’intermediazione rifiuti emerge come un elemento essenziale per le aziende che desiderano integrare la sostenibilità nelle loro operazioni quotidiane. Oltre a garantire la conformità normativa, offre opportunità di ottimizzazione e dimostra un impegno tangibile verso la tutela dell’ambiente.

Aziende specializzate, come DEMM, si dedicano a fornire soluzioni integrate alle aziende per la corretta gestione di questi rifiuti, guidandole nella salvaguardia della sicurezza pubblica e dell’integrità ambientale.

Scopri di più su di noi

DEMM srl, Impianto di gestione rifiuti in Valle Camonica

Potrebbe interessarti anche:

MUD: la nuova scadenza è il 1° luglio 2024

MUD: la nuova scadenza è il 1° luglio 2024

Con l’avvicinarsi della scadenza del Modello Unico di Dichiarazione Ambientale (MUD), volevamo ricordare che quest’ultima è stata recentemente prorogata. Inizialmente fissata al 30 giugno 2024, ovvero un giorno festivo, la nuova data limite è stata posticipata al...

Gestione dei rifiuti industriali: come funziona?

Gestione dei rifiuti industriali: come funziona?

Negli ultimi decenni, la gestione responsabile dei rifiuti industriali è diventata una priorità fondamentale per le imprese impegnate a ridurre l'impatto ambientale e ad adottare pratiche sostenibili. In questo articolo, esploreremo il complesso ma vitale processo di...

Cos’è il registro di carico e scarico?

Cos’è il registro di carico e scarico?

Il registro di carico e scarico è uno dei documenti più importanti per la gestione dei rifiuti Si tratta di un documento obbligatorio, previsto dall’articolo 16 del decreto legislativo 205/2010, che permette di controllare e gestire efficacemente la contabilità dei...